L’inulina, sostituto dolce e sano dello zucchero

L’inulina, sostituto dolce e sano dello zucchero

L'inulina si trova principalmente nella cicoria e nelle patate dolci come polisaccaride, ovvero uno zucchero complesso. In realtà si tratta di una fibra vegetale idrosolubile composta da lunghe catene di fruttosio, e grazie al suo sapore dolce é un eccellente sostituto dello zucchero, oltre ad essere anche sana.

Anche se l’inulina non è digeribile dal corpo umano svolge tuttavia un ruolo molto importante nel mantenimento della nostra salute. Poiché influenza positivamente il metabolismo e riduce la formazione di gas viene utilizzata in molti integratori alimentari. Nella flora microbica intestinale é in grado di aumentare il livello di batteri bifidus, riducendo nel contempo il numero dei batteri nocivi. Poichè ha un sapore dolciastro e non altera il livello di glucosio nel sangue, può essere utilizzata senza effetti nocivi come sostituto dello zucchero dai diabetici.

Perché l’inulina é sana

  • Aumenta il numero dei batteri benefici – eubiotici
  • Migliora l'assorbimento di calcio, ferro e magnesio
  • Non aumenta i livelli di zucchero nel sangue ed é un ottimo sostituto dello zucchero, per cui anche i diabetici la possono consumare
  • Diluisce la concentrazione del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue, regolarizza il livello di colesterolo
  • Protegge il colon contro il cancro
  • Aumenta la quantità e la frequenza delle feci, elimina la stitichezza
  • Ripristina la flora intestinale

L’inulina viene ottenuta principalmente dalle radici della cicoria, ma si trova in quantità maggiore anche nelle patate dolci, nei carciofi e nell’indivia. Sono altrettanto noti come fonti di inulina anche il tartufo bianco, gli asparagi, la bardana, la radice di tarassaco,i porri, le banane, le cipolle e i bulbi di dalia. La sua più grande virtù è quella di avere proprietà probiotiche, è cioè un alimento che il nostro corpo non può digerire, ma che serve da nutrimento per i batteri benefici della flora intestinale. Non viene assorbita nell’intestino tenue, ma grazie ai batteri comincia a fermentare solo nel colon. Analisi cliniche hanno dimostrato che l'inulina aumenta il numero dei batteri benefici e dei bifidus lattobacilli. Questi sono estremamente importanti per la nostra salute poichè favoriscono l'assorbimento dei nutrienti. L’inulina stimola la proliferazione di questi batteri, riducendo in modo significativo l'assorbimento del colesterolo. Nello stomaco aumenta il livello degli acidi grassi liberi, creando una condizione favorevole per un migliore assorbimento di calcio, ferro e magnesio. Nel complesso possiamo concludere che l'inulina può aiutare a riparare i danni della flora intestinale, contribuendo così ad eliminare i vari disturbi digestivi e persino a prevenire i tumori del tratto intestinale

È interessante notare che i valori di inulina in caso di colesterolo alto riducono il colesterolo, mentre nei livelli normali di colesterolo riduce il livellodei trigliceridi. Inoltre impedisce al fegato di sintetizzare il colesterolo, che in questo modo viene eliminato più facilmente.

Come dosare

La dose giornaliera raccomandata è compresa tra i tre e i dieci grammi. Questa quantità puó essere assunta facilmente con uno o due cucchiai di polvere di patate dolci oppure con i prodotti ottenuti direttamente dalla cicoria. I vegetariani in genere non necessitano una cura particolrae, che è invece particolarmente indicata per coloro che consumano piccole quantità di frutta e verdura, dopo un trattamento antibiotico o per chi soffre di problemi di stomaco. Se si supera la quantità raccomandata possono verificarsi effetti collaterali come la formazione di gas in eccesso, gonfiore, diarrea o crampi allo stomaco o intestinali.

Lo sapevi?

Diversi studi hanno dimostrato che una dieta ricca di inulina può ostacolare lo sviluppo del cancro al seno.